• unobravoteam

7 consigli per migliorare l'autostima

Aggiornato il: 19 nov 2019




"Nessuno può farti sentire inferiore senza il tuo consenso." - Eleanor Roosevelt


Questa frase fa riflettere sulla nostra autostima, sull'importanza che molto spesso diamo al giudizio degli altri e su quanto esso ci influenza.

Un individuo con una solida consapevolezza in ciò che fa e ciò che è, difficilmente si sentirà insicuro a causa di un giudizio negativo altrui. Anche se fallisce, sarà consapevole dei motivi del fallimento e non si lascerà abbattere.

Un individuo con bassa autostima si sentirà insicuro ogni qualvolta il suo valore verrà messo in discussione, poiché egli è il primo e principale giudice negativo e severo di sé stesso. Un commento negativo, un fallimento, sarà una conferma della bassa opinione che ha di sé stesso.

Non vuoi più sentirti inferiore? Non dare a nessuno, soprattutto a te stesso, la possibilità di farlo.


Attenzione: avere un'alta autostima non vuol dire avere un ego smisurato. Anzi, spesso chi ha un ego smisurato soffre proprio di bassa autostima e mette in atto comportamenti finalizzati al nasconderlo!


Aumentare la propria autostima: come fare?


1) Ripensa a come pensi te stesso

Il nostro livello di autostima è in gran parte legato all'immagine di noi stessi che proiettiamo nella nostra mente. Chi soffre di bassa autostima spesso ha questa immagine molto lontana dalla realtà a causa del fatto che tende a sopravvalutare i suoi difetti e a sminuire, dare per scontati i suoi pregi. Questa immagine non è definitiva, ci si può lavorare al fine di modificarla ma non per prendersi in giro, ma per avere un'immagine più equilibrata e vicina alla realtà dei nostri pregi e difetti.


2) Punta il bersaglio

Imparare a definire i propri obiettivi così da poterli centrare più facilmente, piuttosto che lasciare le cose al caso, può far innalzare di molto la nostra autostima. Avere una buona organizzazione e visione globale di ciò che stiamo facendo e ciò che vogliamo ottenere aumenta la probabilità di riuscire. Riuscire, senza dubbio e a sua volta, aumenta la nostra autostima e la nostra percezione di auto-efficacia. Impegnati e lavora sulle tue capacità organizzative e di problem solving!


3) Fatti bello!

Curare il proprio aspetto può avere un enorme impatto sulla nostra autostima. Curare il proprio corpo facendo sport, avere un'igiene personale appropriata e dedicare del tempo a scegliere come presentarsi agli altri attraverso capi di abbigliamento, acconciature e make up può far guadagnare molta fiducia in noi stessi.


4) Impara ad accettare i complimenti

Tipico di chi ha una bassa autostima è non saper accettare i complimenti, generalmente negando o provando imbarazzo nel riceverli. Piuttosto, inizia a rispondere "grazie", accogliendo così il complimento. Sarebbe un buon inizio.


5) Niente critica o auto-critica!

Se hai la tendenza a auto-criticarti o criticare gli altri, smettila subito. Un linguaggio positivo e più volto alla comprensione e perdono degli errori propri e altrui è un toccasana per vari motivi, autostima compresa.


6) Fake it till you make it!

Un detto americano dice "fai finta, finché non riuscirai". Avere un atteggiamento positivo, di chi ha la padronanza di ciò che sta facendo ed è sereno riguardo l'obiettivo da centrare, ha molte più possibilità di farcela rispetto a chi già dall'inizio parte sconfitto, ansioso, agitato. La performance spesso dipende dal nostro stato d'animo e dal nostro atteggiamento con cui si affronta l'esperienza.


7) Scrivi, scrivi, scrivi

Se hai la tendenza a ricordare maggiormente le tue sconfitte, i tuoi difetti, le figuracce e i tuoi vissuti di inadeguatezza, scommetto che allo stesso modo tendi a sottostimare i tuoi pregi e a dimenticare presto le tue vittorie. In tal caso, prova a scrivere un diario giornaliero nel quale dovrai elencare da un lato le esperienze positive della giornata, e dall'altra quelle negative: i successi, e i fallimenti; i pro, e i contro. Ti aiuterà ad avere un quadro più globale di te stesso.


Ognuno è unico e speciale per pregi e difetti.

Non c'è nessuna scala, classifica, graduatoria sociale con cui competere!