• unobravoteam

Coppie miste: come valorizzare le differenze

Tutte le coppie portano con sé la sfida di comprendere la cultura e valorizzare le differenze reciproche. La coppia, infatti, è per definizione il terreno sul quale si giocano le differenze, fatte di negoziazione di significati e riadattamento delle identità personali e familiari. Ognuno di noi riporta nella coppia il suo bagaglio culturale, i valori familiari, i rituali religiosi ed il background di appartenenza.


Per le coppie miste la sfida può essere ancora più complessa. Significati e linguaggi diversi possono avere l’effetto “Lost in traslation”: smarrimento, incomunicabilità, sensazione di essere lontani anni luce da casa.




Coppie miste: cosa si intende?


Gli esperti sembrano per larga parte concordare sulla definizione di coppia mista intesa come

“l’unione tra individui appartenenti a contesti culturali diversi, a paesi diversi, interessati da un’esperienza migratoria; una coppia dunque è mista in quanto coppia interculturale, vale a dire composta da persone che sono appartenenti a culture considerate differenti dall’ambiente sociale e che possono essere caratterizzate dalla migrazione di almeno uno dei due partner o della sua famiglia d’origine”

(Tognetti Bordogna, 1994)



Leggi anche Come sopravvivere ad una storia a distanza


Le coppie miste sono più vulnerabili?


Ciò che emerge dagli studi che hanno confrontato le coppie miste con quelle monoculturali è che non ci sono differenze significative in termini di qualità della relazione o al grado di soddisfazione ed espressione emotiva. Talvolta però i vincoli religiosi, culturali e giuridici, rischiano di allontanare i partner, facendoli sentire estranei l’uno all’altro.


Le sfide della coppia mista


Nelle coppie miste i partner sono chiamati quotidianamente a “migrare” dal proprio universo culturale per raggiungere quello dell’altro. Questo compito risente dell’ influenza del contesto sociale più ampio, comprese le famiglie d’origine, che possono facilitare o ostacolare il processo di negoziazione e co-costruzione dell’ identità di coppia.


Le 9 principali sfide che la coppia miste è chiamata ad affrontare sono:

  1. gestione economica;

  2. gestione emotiva;

  3. accordi di potere;

  4. contesto sociale attorno alla coppia;

  5. sessualità;

  6. compiti quotidiani e divisione dei ruoli;

  7. tempo libero;

  8. educazione dei figli;

  9. appartenenza religiosa



Leggi anche Crisi di coppia: 5 utili consigli per prevenirla


Coppie miste: come valorizzare le differenze?


Nella coppia mista la diversità può essere vissuta come fonte d’arricchimento reciproco o come ostacolo alla vita di coppia; il modo di vivere la diversità non dipende solo dal grado di coinvolgimento e motivazione dei partner ma anche dalla capacità della coppia di instaurare un dialogo e negoziare significati.


L’armonia di coppia si costruisce quando ciascuno mette nella condizione l’altro di sentirsi “rappresentato” all’interno della relazione. Nella dinamica di coppia dovrebbero trovare spazio gli universi personali e culturali di entrambi i partner, seguendo una logica comprensiva (“e…e”) e non una logica esclusiva (“o…o”). Ciò permette di costruire una relazione che valorizza le reciproche differenze


5 suggerimenti utili alle coppie miste (e non):


Innamorarsi di una persona proveniente da un paese o da una cultura differente può diventare un esperienza estremamente arricchente, tanto per i partner quanto per il loro contesto sociale e familiare, generando opportunità di dialogo e abbattendo i pregiudizi.


Per concludere, quindi, ecco 5 suggerimenti utili a trasformare le reciproche differenze in una risorsa della coppia:


  1. Il bagaglio culturale personale andrebbe pesato come “relativo” al background di ciascuno e non come “giusto” o “sbagliato” in sé: questa premessa ci permetterà di valorizzare il nostro tanto quanto quello del partner;

  2. Assumiamo una posizione di ascolto e dialogo con l’altro, optando per scelte e soluzioni che siano realmente condivise da entrambi;

  3. Impariamo a rispettare le credenze e le abitudini dell’altro: non è fondamentale per il buon funzionamento della coppia che si professi lo stesso credo religioso o che si gestisca la quotidianità allo stesso modo, ciò che conta è trovare degli spazi di condivisione profonda;

  4. Impariamo a gestire le eventuali ingerenze delle famiglie d’origine e del contesto sociale di appartenenza: non tutti comprenderanno la scelta di una relazione mista e vedranno i compromessi come un tradimento; non lasciamo che i pregiudizi altrui prendano il sopravvento;

  5. Educare i figli alla diversità può essere una marcia in più per loro. Spesso, infatti, l'educazione dei figli può rappresentare un terreno di scontro se uno dei partner cerca di prevalere sull’altro imponendo la propria cultura.



Dott.ssa Chiara Alfano

Membro del team di Unobravo

Psicologa a orientamento sistemico-relazionale

https://www.unobravo.net/chiara-alfano-psicologa

Post recenti

Mostra tutti