• unobravoteam

Dipendenza da internet: sintomi e cause

Non sempre è facile riconoscere quando la dipendenza da internet si insinua nelle comuni forme di uso quotidiano a cui tutti siamo abituati.


Il rapporto tra l’uomo e la tecnologia, infatti, diventa giorno dopo giorno sempre più esteso, complesso e articolato, al punto tale da poter essere considerato come uno tra i più importanti fattori di cambiamento sociale, culturale e psicologico di oggi. Gli stili di vita, i comportamenti, i modi di sentire e di pensare, le scelte individuali di ognuno di noi ne sono ampiamente influenzati.



Leggi anche Gioco d’azzardo: quando diventa patologia?


Dipendenza da internet: che cos'è?


Nel campo della salute mentale è stata riconosciuta una moderna forma di dipendenza definita Internet Addiction Disorder (IAD).


Si tratta di una forma di abuso-dipendenza dove con il passare del tempo aumenta sempre di più il numero di ore che la persona trascorre online, fino a raggiungere la consapevolezza di non riuscire più a sospendere o ridurne l’uso.


Le ricerche hanno evidenziato come l’IAD si manifesti più frequentemente in quelle persone che presentano una precaria stabilità emotiva o in cui sono già presenti altri disturbi (ad es. disturbi depressivi, bipolari, d’ansia, ossessivo-compulsivo).



Le 3 fasi della dipendenza da internet


La dipendenza da Internet si sviluppa attraverso 3 principali fasi:

  1. il “coinvolgimento”, dove l’accesso alla rete è stimolato dalla curiosità e dal piacere;

  2. la “sostituzione”, nella quale il soggetto si immergerà nella realtà virtuale a discapito delle normali attività quotidiane;

  3. la “dipendenza”, dove si osserverà una vera e propria fuga dalla realtà quotidiana e dal proprio disagio emotivo.


L’uso della rete diverrà, quindi, sempre più assiduo e prolungato, associato a sensazioni di benessere quando si è online e sensazioni di angoscia e sofferenza qualora si sia impossibilitati a connettersi.



Leggi anche SOCIAL MEDIA: UN RISCHIO PER LA SALUTE MENTALE?


Dipendenza da internet: le cause


Per quale motivo l'utilizzo della tecnologia si trasforma in una dipendenza?


Internet offre la possibilità illusoria di alleviare, e allo stesso tempo sfuggire, al proprio malessere. Attraverso l’uso di Internet, la persona realizza un cambiamento della percezione di sé e dell’ambiente circostante che permette di modificare lo stato di coscienza ordinario dove il disagio e la sofferenza non possono essere regolati.


Come nel caso delle persone dipendenti da sostanze, anche in questo caso si può osservare una propensione verso la ricerca di stimoli emotivi e sensoriali sempre nuovi, nel tentativo di allontanare o mascherare quei vissuti insostenibili di noia, vuoto e sofferenza interiore.


Internet come rifugio della mente


In questo scenario, l’uso di Internet si configurerebbe come un comportamento di evitamento grazie al quale la persona cerca di sottrarsi alle proprie problematiche. Essere online garantirebbe alla persona una certa sicurezza, ovvero la possibilità di rifugiarsi in un luogo mentale dove poter neutralizzare, controllare ed elaborare tutte quelle situazioni avvertite come insostenibili.


Una vera e propria forma di ritiro personale e di isolamento protettivo, un rifugio della mente che permetterebbe di non affrontare e proteggersi da una realtà percepita come angosciosa e sofferente.



Dipendenza da internet: ultime considerazioni


Gli studi sugli aspetti psicopatologici dell’uso di Internet rappresentano un settore in crescita e tuttora oggetto di discussione da parte della comunità scientifica. Davanti alla necessità di ulteriori approfondimenti, quale significato assume oggi il parlare della dipendenza da Internet?


Osservare e comprendere quali sono gli effetti della trasformazione tecnologica sulla nostra vita inevitabilmente ci mette a confronto con una serie di rilevanti questioni. Essere sempre connessi, essere immersi in una perenne socialità virtuale, l’estensione tecnologica della nostra individualità, la nascita della “persona online” comportano una ridefinizione di tutte quelle dinamiche che caratterizzano la crescita e lo sviluppo dell’individuo (come quelle relazionali, sociali, identitarie).


Ciò comporta la necessità di iniziare ad interrogarsi sui risvolti di questi cambiamenti per valutarne l’impatto sul piano sociale e psicologico. Soffermarsi, quindi, non significa assolutamente colpevolizzare o patologizzare Internet e le nuove tecnologie, ma iniziare a considerare gli effetti di tale innovazione, non solo sul versante delle straordinarie risorse che offre ma anche degli eventuali rischi che può presentare nella dimensione emotiva, immaginativa e relazionale dell’essere umano.





Dott. Ivan Lombardi

Membro del Team di Unobravo

Psicoterapeuta sistemico-relazionale

https://www.unobravo.net/ivan-lombardi-psicoterapeuta




Post recenti

Mostra tutti