• unobravoteam

Giornata europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale


Ogni 18 novembre ricorre la “Giornata europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale”, istituita dal Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa il 12 maggio 2015.


L’idea di fondo è quella di sensibilizzare il cittadino in merito al fenomeno della violenza sessuale minorile con lo scopo principale di evitare che tali atti si manifestino; ulteriore scopo è quello di aumentare la consapevolezza globale sull’argomento, al fine di facilitare discussioni aperte sulla protezione dei bambini contro questi crimini.


La giornata europea promuove l’attuazione della Convezione di Lanzarote, ovvero il primo strumento che prevede che gli abusi sessuali contro i bambini siano considerati reati; stabilisce inoltre che tutti gli Stati in Europa devono adottare misure legislative per prevenire la violenza sessuale, proteggere i minori e perseguire i responsabili.


Leggi anche Bambini e l'uso di smartphone e tablet: pro e contro

Sfruttamento e abuso sessuale: la casistica


Lo sfruttamento e gli abusi sessuali sui bambini causano danni permanenti alla salute fisica e mentale e purtroppo, non conoscono “confini ambientali”: le casistiche infatti indicano come luoghi di abusi dalle abitazioni alle scuole, alle strade; accadono durante le attività extra curriculari, al telefono, attraverso una webcam o online in generale.


Nella maggior parte dei casi, ovvero dal 70 all' 85% (sulla base dei dati di ECPAT International), la violenza è inflitta da qualcuno che il bambino conosce, che appartiene alla sua cerchia di fiducia e nel 90% dei casi gli atti di violenza sessuale non vengono denunciati alla polizia.



Minori e Covid-19: aumentano i rischi di esposizioni alla violenza


In questo periodo di grande paralisi mondiale, le misure adottate per contrastare la pandemia ci costringono a restare a casa: qual è l'impatto del COVID-19 su bambini? Cosa possiamo fare per proteggerli, soprattutto dallo sfruttamento e dagli abusi sessuali?


Lo scorso 15 maggio il Comitato di Lanzarote nellaDichiarazione sulla protezione dei minorenni dallo sfruttamento e dagli abusi sessuali nel periodo di Covid-19” ricorda che, a seguito delle restrizioni stabilite dal Governo per la gestione e contenimento della pandemia Covid-19, l’esposizione dei bambini ad una maggiore vulnerabilità alla violenza, compresi l’abuso e lo sfruttamento, è aumentata: pertanto viene richiesto a tutti gli Stati di garantire che i minorenni siano informati del loro diritto a essere protetti dalla violenza sessuale e dell’esistenza di servizi e misure di sostegno e tutela.

Per molti bambini la famiglia è un luogo di protezione, fiducia e conforto; per altri, invece un posto in cui si consumano violenze e abusi, e la quarantena intensifica purtroppo la violenza esistente.


Leggi anche Quando il silenzio diventa tossico: i segreti familiari


Sfruttamento e abuso sessuale: cosa fare?


Ad oggi esistono numerose piattaforme e linee di assistenza dedicate alla prevenzione e all'intervento in caso di sfruttamento e abuso sessuale infantile. Molte di esse offrono un servizio che permette di fare la segnalazione in maniera totalmente anonima e gratuita, al fine di tutelare le parti coinvolte. Eccone alcune, tra le più conosciute:

  • 114 - Numero di emergenza bambini

  • Dal 2009 il Governo italiano mette a disposizione uno specifico numero verde per bambini. Un servizio attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 ed è gratuito. Una linea di supporto psicologico, psicopedagogico, legale e sociologico con possibile collegamento con le autorità locali competenti in materia i livelli sociale, giudiziario e di sicurezza. Durante il lockdown, il numero di emergenza per bambini 114 è stato rafforzato da un numero Whatsapp specifico ((+39) 3487987845) da contattare tramite chat e app digitale, scaricabile gratuitamente su ogni smartphone.

  • La linea di ascolto 1.96.96 è attiva 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno; la chat dal lunedì al venerdì (8-22) e sabato/domenica (8-20)

  • Il numero verde 800 025777 la linea nazionale contro l'abuso di telefono arcobaleno è anonima e gratuita. Risponde agli adulti che vogliono essere aiutati a proteggere i bambini.

  • Sono disponibili servizi Hot- line per segnalare contenuti illegali scoperti online andando sul sito https://azzurro.it/clicca-e-segnala/ oppure https://stop-it.savethechildren.it/


È importante tenere alta l’attenzione in quanto l’emergenza Covid-19 e il lockdown, hanno moltiplicato i fattori di rischio per il maltrattamento all’infanzia: l’interruzione di molte attività dei servizi sociali ha determinato, infatti, un abbassamento dei livelli di monitoraggio dei minori.

Come affermano il Presidente e il Vicepresidente del Comitato che monitorano la presente Convenzione (il Comitato di Lanzarote):

“Mentre combattiamo la pandemia di COVID-19, dovremmo ricordare che la violenza contro i minorenni è un'altra pandemia che provoca milioni di vittime. Combattiamo insieme entrambe le pandemie”





Dott.ssa Eugenia Ferrara

Membro del Team di Unobravo

Psicologa sistemico-relazionale

https://www.unobravo.net/eugenia-ferrara-psicologa