• unobravoteam

Una tappa fondamentale della vita: imparare a conoscersi

Ognuno di noi percorre un cammino nel corso della propria vita: quello sulla conoscenza di se stessi. Si parte dal rispecchiamento dei propri genitori durante i primi anni e successivamente attraverso il mondo in cui cresciamo.


Ma gli occhi degli altri vedono esattamente quello che noi pensiamo di essere?

Leggi anche Piacersi: 5 modi per amare finalmente il tuo corpo

Cosa significa conoscersi?

Conoscere i “noi” del passato permette di avere strumenti utili per fronteggiare il presente, oltre che di capire come mai abbiamo determinati pensieri e perché abbiamo difficoltà di fronte ad alcune situazioni che ci fanno stare male.


Conoscere se stessi permette di trovare strategie e nuovi strumenti per combattere quello che ci crea malessere. Conoscersi è un percorso faticoso e a volte doloroso, ma una maggiore autoconsapevolezza ci permette di vivere la vita in modo più soddisfacente.


Come possiamo imparare a conoscerci?


Il primo passo è quello di riconoscere sinceramente che qualcosa non ci è chiaro e affidarsi a qualcuno che ci possa aiutare. Solitamente la necessità di conoscersi nasce quando qualcosa non va, quando il nostro solito agire non ci permette di affrontare situazioni per noi difficoltose.


Lo psicologo favorisce questo percorso: fermarsi un’ora a settimana per se stessi e dedicarla alla conoscenza di sé. Quell'ora è personale, all'interno di un luogo sicuro, con una persona vicina, che grazie alla sua professionalità permette di farci impadronire di nuovi strumenti e strategie da utilizzare nella vita di ogni giorno.


Per conoscere meglio se stessi può essere utile anche la lettura di alcuni libri di auto-aiuto. Ecco alcuni libri che consigliamo per approfondire l'argomento:


Può interessarti anche Mindfulness: allenare la mente è possibile!

5 buoni motivi per conoscere se stessi:


Intraprendere un percorso di introspezione all’interno della frenesia della vita di tutti i giorni può rivelarsi molto proficuo. Conoscere se stessi ha numerosi vantaggi. Ecco 5 buone ragioni per imparare a conoscersi:

  1. Capire cosa ci piace o non ci piace realmente;

  2. Capire quali sono i nostri reali pensieri;

  3. Capire e comprendere perché proviamo determinate emozioni in situazioni specifiche e come influiscono sui nostri pensieri;

  4. Imparare a comportarsi in maniera più affine e strategica ai nostri obiettivi;

  5. Diventare propriamente consapevoli e sentirsi bene, perché si è in grado di capire le cause del proprio malessere.

In questo modo, grazie alla conoscenza interiore di sé, possiamo muoverci più adeguatamente lungo il nostro cammino, con il nostro zaino personale di consapevolezza da portare sempre con noi.




Dott.ssa Ludovica Andreoni

Membro del team di Unobravo

Psicologa cognitivo-comportamentale

https://www.unobravo.net/ludovica-andreoni-psicologa